19 GIUGNO 2020 . ore 17.00

Bari

COME CREARE UNA MACCHINA CHE ATTRAE CLIENTI SU LINKEDIN COSTRUENDO POTENTI RETI DI BUSINESS

PERCHé PARTECIPARE

Per Formarsi

Apprendi nuove strategie e tecniche aziendali concrete e applicabili

Per CRESCERE

Nuove opportunità di business e strumenti per far crescere la tua azienda

Per CONDIVIDERE

Confronto con i migliori imprenditori italiani con cui condividere idee per il futuro

Scopri come partecipare al 176° evento OSA dedicato agli imprenditori.

Giorni
Ore
Minuti
Secondi
Osa non è per tutti.
Richiedi la partecipazione alla prossima serata riservata agli imprenditori.
Inserisci la tua email aziendale per accedere alla richiesta di partecipazione.

Per diventare un membro di OSA Community devi:

Avere un’azienda tua o esserne socio, con almeno 5 collaboratori.
Avere tempo da dedicare alla crescita personale.
Credere nei valori della condivisione.



    Accetto la cessione dei dati a partner di Mète per fini di marketing

    OSPITI
    DELLA
    SERATA

    OSPITI DELLA SERATA

    BARI

    Ore 17.00-21.00

    COME CREARE UNA MACCHINA CHE ATTRAE CLIENTI SU LINKEDIN COSTRUENDO POTENTI RETI DI BUSINESS

    A cura di Valentina Vandilli

    Con più di 300.000 aziende italiane e 13 milioni di iscritti su LinkedIn, il mondo del lavoro si sta velocemente spostando su questa piattaforma dedicata al business.

    LinkedIn attualmente è l’unico strumento che ci permette di creare reti di business a distanza o formate da persone attorno a noi.

    Creare una rete di business è quindi fondamentale per tutti i componenti della tua azienda, sopratutto perché da soli non si vince mai.

    Attraverso le tecniche di potenziamento e misurazione del proprio passaparola, durante lintervento sarà presentato il sistema per creare relazioni umane vincenti e concrete attraverso il Marketing Relazionale (via messaggio privato o commenti) e LinkedIn.

    Le 5 Call to Action dellintervento, ecco cosa imparerai:

    1. Allarga la rete su LinkedIn con persone in target
    2. Migliora il profilo LinkedIn pensando a chi lo guarderà
    3. Apri una pagina aziendale o migliora quella esistente (collega tutti i tuoi dipendenti)
    4. Traccia le attività commerciali sul tuo CRM
    5. Crea almeno 5 relazioni con persone nuove a settimana.

    Valentina Vandilli | LinkedIn Trainer

    Esperta n°1 in Italia di sistemi di acquisizione a caldo su LinkedIn. Ha creato un sistema testato su più di 300 aziende italiane di molteplici settori, che permette di trovare i contatti giusti su LinkedIn, creare una relazione di fiducia con loro portandoli in pochi step ad un appuntamento commerciale. È autrice dei libri “LinkedIn Formula” e “LinkedIn per studenti”.

    COME L’IMPRENDITORE PUÒ DIFENDERSI DALLA CONCORRENZA SLEALE

    A cura di Alfredo Buccella

    Nellordinamento giuridico esistono molte norme che consentono allimprenditore di cautelarsi contro le varie ipotesi di concorrenza. 

    La mancata conoscenza di queste norme si traduce in un deficit di tutela dellimprenditore.

    Ancora più dannosa è la concorrenza sleale vera e propria

    La conoscenza delle sue varie forme consente allimprenditore di riconoscerla con largo anticipo e di adottare tutte le cautele necessarie per prevenirla, per vincere il contenzioso, o per concludere una transazione più vantaggiosa possibile. 

    Bisogna però distinguere le varie forme di concorrenza: lecita che può essere limitata, illecita perché vietata, illecita perché sleale. 

    Durante lintervento saranno passate in rassegna le strategie da adottare nei diversi casi concreti. 

    Le 7 Call to Action dellintervento, ecco cosa imparerai:

      1. Disciplina a tuo vantaggio i divieti di concorrenza nei casi di cessione di azienda
      2. Regola la concorrenza con i tuoi agenti al conferimento dellincarico, anche per il periodo dopo la cessazione
      3.  Quando assumi dipendenti, fai patto di non concorrenza e specifica i divieti di cui allart. 2105 e le conseguenze economiche in caso di violazione 
      4.  Adotta strategie premiali, di crescita e di fidelizzazione dei dipendenti, ma custodisci gelosamente le info aziendali 
      5.  Inserisci nello statuto sociale divieti di concorrenza per soci e esclusione del socio per violazione del divieto
      6.  Disciplina i divieti di concorrenza degli amministratori e attivati subito se noti comportamenti sospetti  Disciplina a tuo
      7.  Tieni ordinata la contabilità

    Alfredo Buccella | Avvocato

    Laureato con lode e Specialista con lode in Diritto civile, si è formato presso lo studio legale dei professori Raffaele e Nicola Rascio. Founder di Buccella & Associati – Diritto delle Imprese nel 2009. Fondatore del blog concorrenzaslealeaddio.it, primo ed unico portale che si occupa esclusivamente di concorrenza sleale. Aiuta le imprese a trovare soluzioni alle questioni giuridiche attinenti alla concorrenza, suggerendo le best practice per prevenire o affrontare al meglio i contenziosi in materia di proprietà industriale e concorrenza sleale.

    COME DARE VANTAGGI ECONOMICI TANGIBILI AI TUOI DIPENDENTI SENZA CHE SI RIPERCUOTANO SUL BILANCIO

    A cura di Giuseppe Ossoli

    L’adozione di politiche di welfare aziendale non solo permettono all’impresa una riduzione sul costo del lavoro e del cuneo fiscale, ma alimentano una sana percezione dell’azienda da parte dei collaboratori.

    Questi diventano loro stessi promotori commerciali dell’impresa, valorizzando maggiormente il brand aziendale e la sua reputazione.

    Oggi tra l’altro il consumatore è più attento e rivolge la domanda di beni e servizi verso aziende che rispettano i principi di etica e di responsabilità sociale.

    Il welfare aziendale non è quindi una semplice soluzione per ridurre il costo del lavoro, ma un vero ed efficace sistema per soddisfare i bisogni delle persone e salvaguardare il welfare state, oggi purtroppo inefficace.

    Il welfare come parte di una strategia d’impresa ben più ampia, che riguarda anche i processi di capitalizzazione aziendale, il credito d’imposta, il credito complementare e strutturato (alternativa al sistema bancario), il marketing e la comunicazione, il sistema delle reti d’impresa.

    Le 5 Call to Action dellintervento, ecco cosa imparerai:

    1. Welfare state
    2. Welfare aziendale
    3. Capitalizzazione aziendale
    4. Credito complementare 
    5. Reti d’impresa

    Giuseppe Ossoli | Tributarista e pubblicista economico

    Dal 1994 è Presidente del Consiglio di Amministrazione di ProGeA Progetto Gestione Azienda, studio di consulenza operante nel settore tributario ed in materia di lavoro. Possiede la qualifica di manager di rete e partecipa ai progetti di sviluppo di nuove strategie d’impresa e consulenza direzionale per la promozione di sistemi di controllo strategico presso aziende private ed enti della Pubblica amministrazione.

    Per diventare un membro di OSA Community devi:

    Avere un’azienda tua o esserne socio, con almeno 5 collaboratori.
    Avere tempo da dedicare alla crescita personale.
    Credere nei valori della condivisione.
    Accedi alla prenotazione della prossima serata di OSA Community con la tua email aziendale.



      Accetto la cessione dei dati a partner di Mète per fini di marketing

      UNIAMO LE FORZE

      OSA Community è il punto di incontro,
      collaborazione e conoscenza dei migliori
      imprenditori italiani.
      Un potente network, trasversale per tipologia
      di business, che supporta e crea le condizioni
      per la crescita e lo sviluppo dei propri soci.

      OSA Community è il punto di incontro, collaborazione e conoscenza dei migliori
      imprenditori italiani.
      Un potente network, trasversale per tipologia di business, che supporta e crea le condizioni
      per la crescita e lo sviluppo dei propri soci.

      TRE ANNI
      DI SUCCESSI IMPRENDITORIALI

      Un approccio concreto che supporta e crea le condizioni
      per la crescita e lo sviluppo dei propri soci.

      Speaker di grande valore ed esperti riconosciuti in diversi settori, eventi all’insegna della crescita del tuo business e temi di grande spessore contenutistico, offerti negli ultimi due anni a 600 imprenditori.

      Nelle serate di OSA Community si parla di sfide e opportunità che difficilmente vengono affrontate nelle associazioni di categoria: è un punto di incontro, collaborazione e conoscenza dei migliori imprenditori italiani.

      34.560

      Minuti di puro valore

      3.100

      Call to Action

      310

      Speach

      144

      Serate

      9

      Sedi Nazionali

      11

      OSA weekend

      10

      Visite aziendali

      12

      Speed Date

      TESTIMONIANZE

      Giuseppe Arditi

      Imprenditore - Ristopiù Lombardia

      Grazie alle informazioni di valore apprese nelle serate OSA ho cambiato il mio modo di parlare alle banche. Risultato: ho smesso di chiedere prestiti, ora sono loro ad offrirmeli su un piatto d’argento a condizioni molto più vantaggiose!

      Antonella Campo

      Imprenditrice - Falegnameria Campo

      OSA ci ha portato a fare un salto di qualità: i concetti spiegati in maniera semplice e pratica, una mentalità aperta,e la grande concretezza ci hanno permesso di condividere idee innovative ogni settimana in azienda.

      Massimiliano Bianchetti

      Imprenditore - Bianchetti Casa

      Agli eventi OSA ho conosciuto professionisti e consulenti di altissimo profilo nel marketing e controllo di gestione,che stanno alzando il livello della mia impresa. Inoltre, con OSA ho accesso diretto a contenuti di grande valore senza dover piùinvestire tempo alla ricerca di tanti corsi diversi: una formazione costante e continua che apprezzo molto.

      Vuoi avere maggiori informazioni?
      Contattaci : 388 186 11 81

      Copyright OSA Community by Mete srl – Via Gran Sasso 6 – 20823
      Lentate sul Seveso (MB) p.IVA/c.f. 06888540967 – Reg. delle
      imprese di Milano n° Rea: 1921201 – Capitale sociale: 10.000 €

      Privacy Policy - Cookie Policy

      ATTENZIONE

      OSA

      non si ferma

      Gli eventi OSA da Giugno tornano dal vivo, in accordo e nei limiti imposti dalle autorità sanitarie e in ogni caso nel rispetto delle disposizioni di legge vigenti.